Evento

28 GIU – Rigenerarsi attraverso la Biofrequenza

28 Giugno
20:30 - 23:00

Spazio Uno | Via Tabacchi, 33 (Torino)

Relatore:
Fosca Aquaro

28 GIU – Rigenerarsi attraverso la Biofrequenza

Rigenerarsi attraverso la Biofrequenza

Conferenza-Workshop con Fosca Aquaro

Il corpo si rigenera attraverso le frequenze musicali?

Come sentire la nostra voce interna?

Che cosa esprimiamo con il nostro canto?

Le cellule comunicano tra loro, producendo vibrazioni meccaniche che sono frequenze sonore. La loro comunicazione si basa su frequenze ben consolidate. Le nostre cellule diventano un metronomo che attraverso un’onda, mettere tutti gli altri appartenenti allo stesso dominio di frequenza, allo stesso ritmo. Queste vibrazioni entrano in comunicazione con il mondo esterno attraverso i suoni, la luce e le oscillazioni dei campi magnetici. Ogni forma d’arte interagisce con il nostro sistema biologico. Il movimento delle cellule forma onde, che a loro volta formano una vera musica bio-frequenza.

Non c’è posto per la malattia in un corpo fatto di pensieri armoniosi.

– Ippocrate, Vis Medicatrix Naturae

Sviluppare la voce come mezzo di interazione e di espressione

Atelier di canto e vibrazione delle cellule.

La terapia con la voce è una tecnica molto efficace perché ci porta dentro di noi. Questo workshop è dedicato alla scoperta della voce, la propagazione della sua risonanza vibratoria nel corpo e nelle cellule attraverso l’acqua.

Attraverso le emozioni che si manifestano durante una situazione, l’espressione vocale che è nostra, si possono riconoscere le componenti implicite, verbali e non verbali dei nostri sentimenti. Questo processo ci permette di accordarci con i tre cervelli per lavorare la dolcezza, per liberare la voce che chiede solo di esprimersi attraverso di noi, spiritualmente e fisicamente. In un tutto armonico. Diventeremo il nostro conduttore, i nostri pensieri saranno i musicisti, la nostra voce la musica.

Percorso del workshop

• Presentazione del gruppo
• Riconoscimento della sensazione: Qual è la sensazione/situazione che ti impedisce di evolvere? Vorresti liberartene per esprimerti meglio? Per conoscere il tuo suono, il tuo ritmo che cambierà l’interazione verso l’altro?
• Procedura (In alternanza)
• Bio-frequenza Cromoterapia-(1 persona alla volta)
• Esercizi di postura, respirazione
• Messa di voce.
• Lavoro interpretativo testo Lara Fabian Ti amo.
• Scelta di testi su cui lavorare-(poesie )
• Trasformazione del testo esprimendo le percezioni passate e future.
• Cantare insieme
• Rilevamento delle emozioni
• Rilevamento e registrazione delle onde cerebrali
• Invio Mp3
• Ringraziamenti

Dove & Quando

Venerdì 28 Giugno, alle ore 20.30 presso Spazio Uno | Torino, in via Tabacchi 33.

Costi:

Conferenza – 15€
Conferenza & Workshop – 35€ (per pensionati e invalidi 20€)

Per info & prenotazioni: aquaro.fosca63@gmail.com

 

Ti amo – Lara Fabian

(Traduzione italiana di Fosca Aquaro)

Je t’aime – Lara Fabian

(Originale francese)

So bene che ci sono
Diversi modi di finire
Dei vetri frantumati
Ci avrebbero donato aiuto.
IN Questo silenzio amaro
Ho deciso di perdonare
Gli errori che si fanno
A troppo amare.
Di me (la )piccola bambina
Spesso attenzioni ti chiedeva.
Così come una madre
Mi proteggevi e convolavi .
Ti ho rubato il sangue
(che) Non dovevamo
mai unire.
E queste parole di sogno
Io griderò
Ti amo/ti amo
Come un pazzo
Come un soldato
Come una star del cinema.
Ti amo/ti amo
Come un lupo
Come un re
Come l’uomo
che non sono mai stato
Vedi
ti amo così.
Lo so ti ho confidato
i miei sorrisi i miei segreti.
Quelli ,solo un fratello
Segretamente può sapere.
In questa casa in pietra
La nostra danza Satana guardava.
Ho tanto voluto guerra
Dei corpi che la pace univa .
Ti amo / ti amo
Come un pazzo
Come un soldato
Come una star del cinema.
Ti amo/ti amo
Come un lupo
Come un re
Come l’uomo
che non sono
Vedi
ti amo così.
D’accord, il existait
D’autres façons de se quitter
Quelques éclats de verre
Auraient peut-être pu nous aider
Dans ce silence amer
J’ai décidé de pardonner
Les erreurs qu’on peut faire
A trop s’aimer
D’accord, la petite fille
En moi souvent te réclamait
Presque comme une mère
Tu me bordais, me protégeais
Je t’ai volé ce sang
Qu’on aurait pas dû partager
A bout de mots, de rêves
Je vais crier
Je t’aime, je t’aime
Comme un fou, comme un soldat
Comme une star de cinéma
Je t’aime, je t’aime
Comme un loup, comme un roi
Comme un homme que je ne suis pas
Tu vois, je t’aime comme ça
D’accord je t’ai confié
Tous mes sourires, tous mes secrets
Même ceux dont seul un frère
Est le gardien inavoué
Dans cette maison de pierre
Satan nous regardait danser
J’ai tant voulu la guerre
De corps qui se faisaient la paix
Je t’aime, je t’aime
Comme un fou, comme un soldat
Comme une star de cinéma
Je t’aime, je t’aime
Comme un loup, comme un roi
Comme un homme que je ne suis pas
Tu vois, je t’aime comme ça
Je t’aime, je t’aime
Comme un fou, comme un soldat
Comme une star de cinéma
Je t’aime, je t’aime, je t’aime, je t’aime, je t’aime, je t’aime
Comme un loup, comme un roi
Comme un homme que je ne suis pas
Tu vois, je t’aime comme ça
Tu vois, je t’aime comme ça